01/07/2022 di Veronica Bacci Bonivento

Abbiamo un cuore in comune: il crowdfunding per lo sviluppo sostenibile

Procedono a gonfie vele i lavori del progetto Abbiamo un cuore in Comune, l’iniziativa promossa da Emil Banca per sostenere le amministrazioni pubbliche che vogliano puntare sul crowdfunding per realizzare progetti locali di sviluppo sostenibile. La seconda fase, quella operativa, ha preso il via e i Comuni stanno iniziando a concretizzare le loro campagne di raccolta fondi.

A che punto siamo?

La formazione al crowdfunding come punto di partenza 

Ci eravamo lasciati con l’apertura delle candidature al progetto, che ha raccolto l’interesse di numerose amministrazioni locali desiderose di sperimentare nuove forme di partecipazione dal basso attraverso cui promuovere la cultura della sostenibilità. Come?

Questo lo abbiamo scoperto durante le 18 ore complessive di formazione trascorse insieme alle 40 realtà partecipanti. Nel mese di aprile, infatti, abbiamo conosciuto nel dettaglio le ambizioni, le idee e le proposte progettuali avanzate dalle Amministrazioni e dagli Enti Pubblici iscritti all’iniziativa. 

Attraverso un percorso formativo fatto di scambi, approfondimenti sul crowdfunding civico e sulle ricchissime opportunità offerte da questo strumento per le PA (ne avevamo parlato qui), abbiamo condiviso con ben tre classi di progettisti tutta la nostra esperienza con l’obiettivo di fornire loro le chiavi per ottenere il massimo dalla propria campagna di crowdfunding.

Dalla teoria alla pratica: raccogliere fondi online per un progetto sostenibile

Terminata la formazione i partecipanti hanno messo in pratica le nozioni acquisite, misurandosi con nuove competenze digitali e progettuali con l’obiettivo di presentare proposte concrete di campagne di crowdfunding volte a raggiungere uno o più dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs).

Elemento fondamentale di Abbiamo un cuore in Comune è infatti l’opportunità di utilizzare il crowdfunding per realizzare progetti concreti e legati ai temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale. Un’occasione per generare un impatto positivo sulla comunità e raggiungere insieme alla stessa obiettivi condivisi che i Comuni aderenti all’iniziativa hanno saputo cogliere al volo. Gli Enti hanno strutturato squadre di lavoro dedicate, per ragionare sulla progettazione, individuare le ricompense che potessero valorizzare al meglio i valori della propria iniziativa ed elaborare una strategia di comunicazione con cui raggiungere e coinvolgere il giusto pubblico.

Sono nate così 15 proposte operative di campagne di crowdfunding dedicate al perseguimento degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030. 

Le campagne finaliste 

Insieme a Emil Banca e Laboratorio delle Idee, partner dell’iniziativa, abbiamo valutato ognuna di queste proposte, individuando i 5 progetti che hanno saputo coniugare al meglio la volontà di proporre soluzioni finalizzate al perseguimento dello sviluppo sostenibile, con le buone pratiche del crowdfunding. Le campagne dei Comuni di Formigine, Granarolo dell’Emilia, San Giovanni in Persiceto, Gualtieri e Medesano sono le finaliste di Abbiamo un cuore in Comune e lavoreranno alla realizzazione di progetti dedicati alla rigenerazione urbana, alla promozione di città più inclusive e alla tutela del patrimonio artistico-culturale, impattando trasversalmente su molteplici SDGs.

Per i prossimi due mesi, i cinque comuni vincitori potranno avvalersi della professionalità di un campaign manager che, grazie a un percorso di accompagnamento intensivo, li aiuterà a predisporre la strategia più efficace per realizzare, promuovere e comunicare la propria campagna. Elementi che verranno arricchiti anche dall’assistenza professionale di ERcole TV nella realizzazione del video promozionale della raccolta fondi.

Facendo tesoro delle competenze acquisite durante le ore di formazione, oltre che delle indicazioni e dei consigli ricevuti dal campaign manager, i progetti saranno pronti per andare online a settembre e tagliare il traguardo grazie al contributo di enti pubblici e privati, aziende e tutta la comunità. Quando le campagne saranno concluse, Emil Banca moltiplicherà ulteriormente il valore dei fondi raccolti offrendo un contributo economico proporzionale ai risultati raggiunti da ciascuna campagna.

E gli altri progetti?

L’impatto di Abbiamo un cuore in Comune non si limita, però, solo ai primi cinque classificati. Al contrario. Il valore ultimo di questa iniziativa sta proprio nella sua capacità di diffondere, anche grazie alla partnership con Emil Banca, l'utilizzo del crowdfunding tra le amministrazioni pubbliche di tutta l'Emilia, confermando ancora una volta come Ideaginger.it sia la casa del crowdfunding civico

Motivo per cui anche tutte le realtà non selezionate tra i finalisti avranno comunque l’opportunità di lanciare le proprie campagne di raccolta fondi ricevendo il supporto di Emil Banca e Ginger. I primi 10 Enti sono già stati affiancati da un campaign manager che li aiuterà a sviluppare tutti gli aspetti di ciascun progetto.

Insomma, tutti gli Enti che hanno aderito all'iniziativa sono più che entusiasti, le campagne a cui stanno lavorando sono interessanti, ricche e di impatto e noi non vediamo l’ora di farvele scoprire tutte su Ideaginger.it!